A Special Note from Emilie…



Asylum Emporium.jpg


Una Annotazione Importante da Emilie…
Oh, carissimi Plague Rats… mi sto per dilungare, perciò chiudete pure questa lettera se non siete preparati, non ne farò una questione personale.
Ma vi sarei grata se continuaste a leggere… forse possiamo aiutarci a vicenda.

Come sapete, me ne sono stata tranquilla per un po’, semplicemente raccogliendo quello è rimasto di me dopo gli efferati avvenimenti dell’8 novembre, e ogni orribile giorno che ne è seguito, e so che sarà semplicemente più difficile domani e domani e domani. La depressione è dolorosa.
Non riesco a fare musica. Non riesco a scrivere. E certamente non posso andare avanti tranquillamente con le vendite durante le vacanze, la promozione dei prodotti e quant’altro nonostante l’amore che nutro verso quello che faccio e quello che ho da vendere… ho visto altre aziende, che hanno tutta la mia stima pubblicizzare il Black Friday venerdì 9 novembre come se l’America non si fosse appena rovinata con le sue stesse mani; seppure io non giudichi minimamente queste aziende (io sarei la sola a subire le conseguenze se la mia compagnia dovesse fallire mentre queste hanno centinaia di dipendenti a loro carico) e io non ce l’ho fatta.
Invece ho postato la mia rabbia e la mia tristezza e i miei pensieri, ho condiviso articoli che pensavo fossero importanti; e solo quando qualcuno di molto vicino a me mi ha detto “Stai esagerando, stai semplicemente pubblicando cose che chiunque può trovare ovunque, non stai facendo niente” che mi sono scoraggiata al punto di smettere di fare anche quello.
Per questo motivo ho rilasciato il mio album F.L.A.G. gratuitamente come piccola offerta a coloro che potessero avere bisogno di qualche parola di incoraggiamento dopodiché non mi sono più fatta sentire.

Tutto quello che sto facendo da settimane è leggere, studiare e cercare di capire.
Tutti quelli che conosco mi dice che questa non è una buona idea, che non posso cambiare nulla perché non sono una miliardaria e quindi non ho nessun potere, che finirò per impazzire se mi dovessi immergere nella politica.
Potrebbero avere ragione. Ma non fare altrimenti.
Non ho mai visto un tale livello di odio e divisione nel mio paese.
Mi sono mai vergognata così tanto di così tante mie concittadine e concittadini.
E mai ho sentito così forte la sensazione che tutto quello che faccio è assolutamente inutile.

La notte prima delle elezioni, appena i voti hanno iniziato ad arrivare e l’idiozia che è il collegio elettorale ha iniziato proclamare stati a supporto di Trump, ho mandato un sms alla mia amata Veronica Varlow:

“Non posso rimanere qui se succede”

Veevers mi ha risposto così:

“Il mondo odia così tanto le donne da arrivare ad eleggere un mostro simile?”

E più tardi quella notte lo scoprimmo. Il mondo l’ha fatto succedere. L’America l’ha fatto succedere. L’8 novembre il sessismo e la misoginia hanno avuto la meglio. Il razzismo ha avuto la meglio. Il bigottismo ha avuto la meglio. L’ignoranza ha avuto la meglio. La paura irrazionale ha avuto la meglio. E a causa di tutto questo praticamente tutto ciò per cui voi ed io, Plague Rats, abbiamo sempre resistito e combattuto è sotto attacco; dai diritti delle donne ai diritti umani (che dovrebbe essere la stessa cosa, ma a quanto pare non lo è), alla scienza, alla verità, alla moralità di base e la gentilezza e si ve peggiorando. Vi ho spaventato? Bene. Dovreste esserlo. Non lasciate che questo diventi la normalità. Non lasciate che possiate abituarvi a tutto questo; non importa quanto allettante sarebbe mettere i paraocchi e mettersi a dormire. E non smettete di essere indignati.

Ma che ci si può fare? Come si può combattere?

Vi dirò quello che mi è venuto in mente finora: donerò una percentuale degli introiti provenienti da The Asylum Emporium ad una fondazione di beneficenza che sosterrà la lotta contro questa nuova ventata di incoraggiamento alla guerra alle donne, a cominciare con i nostri diritti in materia di riproduzione, che già ci sono stati sottratti.
Questo è solo l’inizio, ma è un punto di partenza, ed è qualcosa che implementerò nell’area shop nel giro di pochi giorni. One foot in front of the other… dobbiamo tenerlo a mente. Non possiamo cambiare ciò che è stato fatto ma possiamo ancora farci forza a vicenda e si aiutaci l’un l’altro. Non è finita. Non può esserlo. Per l’Asylum non è finita. Per NOI non è finita mai.

Sapete che c’è di buffo? Sto scalciando e urlando come se fossimo tutti sulla stessa barca (perché so che spiritualmente è così) ma la maggior parte dei miei Plague Rats non sono nemmeno americani. La maggior parte del mio pubblico attuale riesiede nel Regno Unito, in Germania e nel resto d’Europa e poi in Sud America seguito poi da chi abita nel mio paese.

La mia carriera è iniziata sul serio in Germania durante il secondo mandato della presidenza Bush. In Germania e in tutta l’Europa, dove si svolgeva la gran parte dei miei tour a quel tempo tutti voi, i Plague Rats, erano incredibilmente gentili e caldi e accoglienti ma al di fuori del mio pubblico non venivo trattata con particolare rispetto. Per quanto ingiusto potessi considerarlo (non sono stata io a sostenere una guerra ingiusta per l’amor del cielo, l’ho fatto? Ero una ragazza di 27 anni che cercava solamente di restar fuori dal manicomio, dannazione!) mi sono resa conto che quel sentimento anti-americano era piuttosto elevato in Europa. Poi è cambiato. Ero in un taxi in Germania sulla strada per l’aeroporto per tornare negli Stati Uniti quando per radio è arrivata la notizia esultante che Obama era stato eletto presidente. Immediatamente, la gente mi ha trattato in modo diverso. Il tassista era più amichevole. Le persone in aeroporto erano gentili nei miei confronti. Era stato molto difficile viaggiare per l’Europa come cittadina americana in quel periodo ed è stato un sollievo incredibile quando quel periodo è finito.

Adesso la prossima volta che viaggerò nei vostri paesi come verrò accolta? Questo non lo so.

Ma vorrei condividere alcuni pensieri che ho avuto su come ci trattiamo l’un l’altro, su come vedo noi e riguardanti il concetto di compassione. Originariamente ho postato il seguente pezzettino sull’onnipotente Facebook, il mese scorso, e mi è stato chiesto di riproporlo di nuovo qui per quelli di voi che potrebbero averlo perso. Se volete lasciare un commento sul post è possibile trovare il post originale QUI. Lo faccio…

*****

https://www.facebook.com/plugins/post.php?href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2Femilieautumnofficial%2Fposts%2F10153967591058021&width=500

Mi ci è voluto un po’ per realizzare come mi stessero chiamando: “Madre dei Rats.” Fino ad ora penso di non essere mai stata così scioccata o così orgogliosa.

Plague Rats del Messico e delle altre parti del mondo: Non importa che sarà del mio paese, spero e prego che possiate sempre pensare a me come vostra amica amorevole che vi accoglierà sempre come voi avete sempre accolto me.

 Con amor,

 ~Your Madre de Ratas”

Traduzione non alla lettera della mail di Emilie Autumn help@asylumemporium.com del 13/12/2016 03.07 (UTC +1)

Lista Nera – Romina Falconi


C’è una serie di persone da evitare;
amanti, buchi neri, gente intestinale…
Crocerossina mia, adesso ascoltami:
tu non lo salverai. Dai scappa! Arrenditi!

Il “logorroico” vuole aggiungere un concetto,
io gli direi: “Sì, t’ho capito ma che hai detto?”

L’uomo “interruptus “, tira su col naso che è un folletto,
è tossico giorno  guasto a letto!

L'”anaffettivo” ti ricoprirà di ansie
e se gli dici “Ti amo” ti risponde “Grazie”!

Il “possessivo” è un succhia-cuore e non si arrende
non ti stupire se hai le spie nelle mutande!

Lui…
mi ha detto addio…
mi amava troppo…
com’è che non scoppio…

C’è il tipo “carpe diem“, sta fermo lì,
diventi vecchia se aspetti che lui si sblocchi!

Vattene via! E’ meglio così!
Vuoi restare amico, ma amico di chi?
No, no, no… Lista nera…
Finisce qui! E’ meglio così!
Non è colpa tua se sei nella mia lista nera!
Lista nera…

L'”artista incompreso” non può starti dietro
si vende anche la mamma pur di essere noto!
C’è il “maledetto“, poi, che beve come un lavandino
non tocca e ti mitizza e lui oltre il giardino!
L’uomo “Fantozzi” ha una moglie che non vuole,
dei figli che non vuole, ma senza te, lui, muore…
chissà perché non fa progetti ma ti dice “Ti amo”
sceglierà sempre “lei” e stare sul divano!
L’uomo “dissenteria” è quello che dà ai nervi
s’accorge che ti ha perso quando è ormai troppo tardi!
Poi c’è il bugiardo [No…], quant’è carino…
è capitato a tutte… l'”Aladino“!

Lui…
mi ha detto addio…
vuole il suo spazio…
gli metterei un razzo…

L’uomo “revivial, non so, ti pensa e poi
tornerà quando sarai guarita da lui!

Vattene via! E’ meglio così!
Vuoi restare amico, ma amico di chi?
Tu sei da… Lista nera…
Finisce qui! E’ meglio così!
Non è colpa tua se sei nella mia lista nera!
Lista nera…

Spotify: Romina Falconi – Lista Nera

Velleità – I Cani


I nati nell’ottantanove hanno reflex digitali
e mettono su flickr belle foto in bianco e nero.
I nati nel sessantanove fanno i camerieri al centro
e scrivono racconti, ne hanno pubblicati due.

Le velleità ti aiutano a dormire
quando i soldi sono troppi o troppo pochi
e non sei davvero ricco, né povero davvero,
nel posto letto che non paghi per intero.

I nati nel settantanove suonano in almeno due o tre gruppi
e fanno musica datata.
I nati nel cinquantanove tengono corsi di teatro
e quando va bene si rimorchiano le allieve.

Le velleità ti aiutano a scopare
quando i soldi sono troppi o troppo pochi
e non sei davvero ricco, né povero davvero,
nel posto letto che non paghi per intero.

I critici musicali ora hanno il blog.
Gli artisti in circolo al Circolo degli Artisti.
I falsi nerd con gli occhiali da nerd.
I radical chic senza radical.

I nichilisti col cocktail in mano che sognano di essere
famosi come Vasco Brondi,
che appoggiato sul muro parla
con la ragazza di qualcuno.

Anoressiche alla moda, anoressiche fuori moda,
bulimiche si occupano di moda.
Mentre aspiranti DJ aspirano coca
aspiranti attrici sospirano languide
con gli autori tv, gli stagisti alla Fox, i registi di clip.
I falliti, i delusi, i depressi, i frustrati.
Gli emo riciclati.

I gruppi hipster, indie, hardcore,
punk, electro-pop. I Cani.
I gruppi hipster, indie, hardcore,
punk, electro-pop. I Cani.
I gruppi hipster, indie, hardcore,

Le velleità ti aiutano a scopare
quando i soldi sono troppi o troppo pochi
e non sei davvero ricco, né povero davvero,
nel posto letto che non paghi per intero.

Le velleità ti aiutano a campare
quando mancano sei giorni all’analista
ed è tutto così facile, o così difficile,
nell’altro divanetto che non paghi per intero.

Non c’è niente di twee – I Cani


Non c’è niente di twee a Roma Nord
ma bestemmie scritte sui muri

Madri ansiose con figlie in prigione al computer
dentro camera loro

Non c’è stato mai niente di twee fra di noi
Io ero un po’ troppo comodo in quanto
astro nascente
astro nascente di quattro poveri stronzi!

Ma non c’è niente di twee [No]
Non c’è niente di twee [No]
Non c’è niente di twee [No]
Non c’è niente di twee, no
Non c’è niente…

Non c’è niente di twee in tutto il mondo
solo etero furbi col banjo
mal di testa e stanze di gente che esce
troppo poco di casa

Non c’è stato mai niente di twee fra di noi
io sapevo soltanto che eri
la reginetta di Tumblr
reginetta di quattro poveri stronzi!

Ma non c’è niente di twee [No]
Non c’è niente di twee [No]
Non c’è niente di twee [No]
Non c’è niente di twee, no
Non c’è niente…

E quanto disoneste possono essere le parole
per infestare il mondo di sentimenti
per dire il falso per non dire niente
per non dire…
quanto disoneste sono le fotografie
in cui siamo bellissimi e perdenti

Ma non c’è niente di twee [No]
Non c’è niente di twee [No]
Non c’è niente di twee [No]
Non c’è niente di twee, no
Non c’è niente

Giocone per veri intenditori…


75 band nascoste

Nell’immagine qui sopra sono “nascoste” 75 band famose…

Sei capace di trovarle tutte quante???

DecaDance – J-Ax


L’Italia chiama, J-Ax risponde!
Energia!
Sale sale non fa male (x4)

Io sono nato italiano, ma il nome l’ho cambiato da Alessandro a J-Ax
Negli anni 80 pensavo che oggi saremmo volati in giro col Jet-pack

E invece resto bloccato e produco solfato nel traffico della città
Io che nei 90 pensavo che il mondo l’avrei cambiato ascoltando il rap di Tupac

Solo d’estate a Riccione con le tasche vuote fuori dall’Aquafan
Negl’anni di quella canzone di Cindy Lauper: “Girls Just Wanna Have Fun

Ecco sono quello
No non sono perfetto
Io che quando ballo solo Mauro Repetto

Ho imparato l’anarchia da Ken e da Raul
E la filosofia da Animal House

Ballo questa Deca Dance
E porto le migliori cose dentro me
Io sono Bruno Sacchi col suo Moncler
Io sono Jovanotti for President
(Gimme Five! Gimme Five! All Right!)

Io sono nato italiano, ma sono abituato alla diffidenza dei connazionali
Mi sono ritrovato discriminato: pre-extracomunitario

Eppure non ero tatuato, ero obbligato a tenere i capelli corti
A temere quelli forti o uno coi soldi
Papà era Ugo Fantozzi

E ci portava al lago, la casa a buon mercato, sotto le nuvole da impiegato
Adesso quel lago, l’hanno vietato, troppo inquinato,
Ma il dottore ha ordinato un po’ d’aria fresca

(IO) Facevo il bagno dentro la monnezza
(IO) Sono la classe media con la sua innocenza
Diego Abatantuono che fa Viuléééénza!

Ballo questa Deca Dance
E porto le migliori cose dentro me
Io sono Bruno Sacchi col suo Moncler
Io sono le canzoni degli 883 (Nella notte)

Ballo questa Deca Dance
E porto le migliori cose dentro me
Va tutto bene è solo un’altra decade
E solo un altro deca con un deca

Io sono nato italiano e qui non ci crediamo che è quasi il 2010
Ma tu ci pensi che a Barberino c’è una coda che fai prima a piedi
Ma tu ci pensi che una volta andavano di moda gli zoccoli da infermieri
Ma tu ci pensi che rifanno Beverly Hills 90210

Brenda ha tenuto la faccia in freezer
Se sorride scopre le gengive
Sia Micheal Jackson che George Micheal pensavo fossero pieni di tipe

Io sono il Calippo Fizz, Licia e i Bee Hives
Sono il Drive In e Non è la Rai
Sono il Dee-Jay Time, il Sega Mega Drive

(This is the rhythm of my life)

(Ballo Ballo) Ballo questa Deca Dance
E porto le migliori cose dentro me
Io sono Bruno Sacchi col suo Moncler
Io sono Lino Banfi con Edwige Fenech
(Sale Sale non fa male!)

Vedi anche:

My Way


And now, the end is near
And so I face the final curtain
My friend, I’ll say it clear
I’ll state my case, of which I’m certain

I’ve lived a life that’s full
I’ve traveled each and ev’ry highway
But more, much more than this
I did it my way

Regrets, I’ve had a few
But then again, too few to mention
I did what I had to do
And saw it through without exemption

I planned each charted course
Each careful step along the byway
But more, much more than this
I did it my way

Yes, there were times, I’m sure you knew
When I bit off more than I could chew
But through it all, when there was doubt
I ate it up and spit it out
I faced it all and I stood tall
And did it my way

I’ve loved, I’ve laughed and cried
I’ve had my fill; my share of losing
And now, as tears subside
I find it all so amusing

To think I did all that
And may I say, not in a shy way
"No, oh no not me
I did it my way"

For what is a man, what has he got?
If not himself, then he has naught
To say the things he truly feels
And not the words of one who kneels
The record shows I took the blows
And did it my way!

 

E ora la fine è vicina
E quindi affronto l’ultimo sipario
Amico mio, lo dirò chiaramente
Ti dico qual è la mia situazione, della quale sono certo

Ho vissuto una vita piena
Ho viaggiato su tutte le strade
Ma più. Molto più di questo
L’ho fatto alla mia maniera

Rimpianti, ne ho avuti qualcuno
Ma ancora, troppo pochi per citarli
Ho fatto quello che dovevo fare
Ho visto tutto senza risparmiarmi nulla

Ho programmato ogni percorso
Ogni passo attento lungo la strada
Ma più, molto più di questo
L’ho fatto alla mia maniera

Sì, ci sono state volte, sono sicuro lo hai saputo
Ho ingoiato più di quello che potessi masticare
(= ho fatto il passo più lungo della gamba)
Ma attraverso tutto questo, quando c’era un dubbio
Ho mangiato e poi sputato
Ho affrontato tutto e sono rimasto in piedi
L’ho fatto alla mia maniera

Ho amato, ho riso e pianto
Ho avuto le mie soddisfazioni, la mia dose di sconfitte
E allora, mentre le lacrime si fermano,
Trovo tutto molto divertente

A pensare che ho fatto tutto questo;
E se posso dirlo – non sotto tono
"No, oh non io
L’ho fatto alla mia maniera"

Cos’è un uomo, che cos’ha?
Se non se stesso, allora non ha niente
Per dire le cose che davvero sente
E non le parole di uno che si inginocchia
La storia mostra che le ho prese
E l’ho fatto alla mia maniera

 

http://www.youtube-nocookie.com/v/W75QrSNj82o&hl=it&fs=1&rel=0&color1=0x234900&color2=0x4e9e00&border=1 http://www.youtube-nocookie.com/v/WIXg9KUiy00&hl=it&fs=1&rel=0&color1=0x234900&color2=0x4e9e00&border=1

 http://www.youtube-nocookie.com/v/he2XSjpAg8s&hl=it&fs=1&rel=0&color1=0x234900&color2=0x4e9e00&border=1

 

E’ mai possibile che ci sia sempre chi crede di saper fare quello che fai tu meglio di quanto tu stia facendo…

e anche se fosse… è proprio il caso che te lo faccia notare sempre e comunque?

ORRORI NELLE SIGLE


Testo incriminato


Serie

Cantante

…Il 4 Luglio si arrende il
bastione, il 4 Luglio c’è la rivoluzione…

Il tulipano nero

(A. Martelli – A. Valeri Manera)

Cristina d’Avena

Ma la rivoluzione non è il 14 Luglio???


…E’ un fiore delicato, è felicità, e a spasso col suo gatto se ne
va…

Candy Candy


(L. Macchiarella – M. Fraser – Kobra) Rocking Horse

Ehm, non è un gatto ma un procione…

Jeremy e Jenny,
storia d’amore, fra le racchette, le corse e il sudore

Jenny la Tennista

Nico Fidenco

No, no! Non c’è storia d’amore tra l’allenatore e Jenny!!

Quando a Johnny va, che strane
cose fa, lui può spostare tutto col pensiero… E’ timido e sincero,
di tutti tutto sa, poiché legge nel pensiero
!

E’ quasi magia Johnny

Cristina d’Avena

Tra gli innumerevoli poteri di Johnny (Kyosuke) la lettura del
pensiero non è contemplata (appartiene infatti al cugino). L’unica
volta in cui si sforza di leggere nel pensiero, il professore di
scuola lo riprende chiedendogli se ha bisogno di andare in bagno…

…segui il tuo sentiero, sei un
guerriero Dragonball!

Dragonball

Giorgio Vanni

‘Dragonball’ NON è il n ome di un personaggio della serie tv!

Combatti per trovare il drago,
Dragonball, il drago delle sette sfere Dragonball, ma quando arrivi
tu non c’è più

Dragonball

Giorgio Vanni

Goku non cerca il drago delle sette sfere, ma le sette sfere che
servono a far apparire il drago. Il concetto è decisamente
diverso… Tra l’altro da quel che si dice nella sigla, il drago
sembra scappare ogni volta che compare Goku, cosa assolutamente non
vera!

Sasuke, Sasuke… nessuno ti può
vincere perché tu sei cintura nera karaté, Sasuke, Sasuke, col tuo
kimono sei così feroce, ma in fondo buono, sconfiggere il tiranno tu
saprai, o nobile guerriero samurai.


Sasuke, Sasuke nessuno ti può vincere lo so, tu sei
cintura nera anche a judò…

Sasuke, il piccolo guerriero

I cavalieri del re

Mai sentite tante castronerie tutte assieme. Sasuke è un ninja dunque
la sua arte marziale non c’entra nulla con il karate, lo judo e,
essendo un ninja, non è nemmeno un samurai!! I ninja, tra l’altro,
non portano il kimono ma il keiko gi…

Ruba i soldi solo a chi ce ne ha
di più, per darli a chi non ne ha…

Lupin III

I cavalieri del re

Non confondiamo Lupin con Robin Hood. Lupin, solitamente, ruba solo
per se stesso e i soldi se li tiene!

Cinque super robot,
Gundam Win tutti d’oc


MS Gundam Wing

Giorgio Vanni

I famosi Gundam d’origine controllata! ^_^’ Tra
l’altro, la canzone è intitolata Gundam Win, anziché Wing!

Nella tana delle tigri lui, di
nascosto entra piano e poi, con sorpresa assale tutti, il tigre!

l’Uomo Tigre

I cavalieri del re

Complimenti! E’ l’Uomo tigre o un ninja?

Arriva Bem, nemico
del mal, che in bocca tien, mille pugnal. Ha squame verdi sopra la
pelle, lingue di fiamme sopra le spalle…

Bem, lo spettro umano

Nico Fidenco

Forse l’unica cosa che può avere sono le squame verdi (più che altro
ha un colorito giallastro/verdognolo) per il resto non c’azzecca
niente…

Un uomo giusto e determinato, che
del presente un po’ tutto sa…

Action man

Marco Destro

Beato lui…

Splendido, splendido, nel cielo
va! La sua tuta azzurra brilla nell’oscurità

Capitan Futuro

I micronauti

La tuta è grigia. Daltonici??

Nel suo occhio c’è l’azzurro, nel
suo braccio acciaio c’è…

Capitan Harlock

La banda dei bucanieri

Idem come sopra. L’occhio non è azzurro ma nero. Azzurro potrebbe
trattarsi di mare o cielo, ma dal momento che l’astronave viaggia
nello spazio non si parla ne’ di uno ne’ dell’altro…

Sailor Moon, hai la Luna in te,
principessa di un regno che non sai dov’è…

Sailor Moon

Cristina d’Avena

Alla faccia dello spoiler. E comunque il dubbio non era su quale fosse
il regno, ma semmai su chi fosse la principessa… Dal primo
episodio viene svelato che si tratta del regno della Luna.

Now, it’s 1980 (nineteen eighty)

been waiting so long
for this is a good year
wine, football and song
everyone get ready
now is going to see
the best goals in football

made in Italy

Three kicks for Europe
and three for the cup
three more for the champion
and one goal for love

let our voices ring out
so their heroes that come
all the way from Naples, Florence, Turin and Rome.

Arrivano i superboys

(P. Dossena, G. Faggetter, L.
Lopez) Eurokids

Cosa cavolo c’entrano il vino,
l’Italia, Napoli, Firenze, Torino e Roma???

Va Babil Junior, contro chi
vorrebbe il potere,
e salverà la libertà…
nell’infinito, nel futuro e nel passato, vola più su, sempre di
più…

Babil Junior

(L. Macchiarella, M. Fraser, D.
Meakin) I superobots

C’è la sagra dei verbi. Infinito,
futuro e passato. Mancano giusto l’imperfetto e il gerundio…

Odia gli stupidi, aiuta i deboli,
dagli invasori ci difenderà

<—>

Tutto disintegra quando gli
girano
le Lame Boomerang…

Daltanious

(F. Migliacci, Argante)  I
superobots

Ma per stupidi intende anche chi è poco intelligente?
Ma poverini…
Meglio non fargli girare le
lame boomerang…

Arcisuperextravelocissimamente,
schiacci, salti, scatti, batti tutti Mimì;

giochi per giocare senza vincere niente,
oh Mimì, oh Mimì

Mimì e la nazionale della
pallavolo

(C. Vistarini, L. Lopez, Argante)
Georgia Lepore

Non mi risulta che giocasse senza vincere niente.
Giocava per vincere, eccome!

Nel cristallo, Sailor Moon, brilla
un sole rosso e blu, Sailormoon e il cristallo del cuore…

Sailor Moon e il cristallo del
cuore

Cristina d’Avena

Non c’è un sole (e quindi non è nemmeno rosso e blu)

Ti muovi con agilita’
sai esser docile se vuoi
in te c’e’ tanta nobilta’

        come un antico samurai

<…>

Col tuo simpatico Judo
risolvi tutti i nostri guai
anche se piccolo pero’
per noi sei il grande samurai

Nino il mio amico ninja

I cavalieri del re

Vale lo stesso discorso fatto per
Sasuke. Nino è un ninja dunque non ha nulla a che vedere con i
samurai, tantomeno con lo judo.

Quattro occhi su di te, giallo
rosso, giallo blu…

Fantaman

Superband

In verità, gli occhi del dottor Zero
sono giallo, rosso, verde e blu. Potevano benissimo dire: “Quattro
occhi su di te, giallo rosso, verde blu”

C’è una dolce ragazzina, forse
ancora un po’ bambina, con due occhi neri neri ma lucenti e molto
fieri

Il grande sogno di Maya

Cristina d’Avena

Si vede chiaramente che nell’anime,
Maya ha gli occhi azzurri

Georgie dai biondi capelli dorati,
due occhi azzurri, brillanti e vivaci…

Georgie

Cristina d’Avena

Un altro errore nella colorazione degli
occhi. Ma non sono verdi?

Segnalazione di Gfm

Tra due astronavi avversarie
scoppia una battaglia tra chi dovrà dominare tutta la galassia. E
mentre infuria lo scontro atterrano in un mondo di 4000 anni
fa. Ci sono mostri preistorici su quel pianeta, nessuna traccia di
uomini ma che disdetta!

Rombi di tuono e cieli di fuoco
per i Biocombat

(A.Valeri Manera – A. Amato)
Enzo Draghi

Tralasciando il pessimo titolo, i dinosauri
hanno vissuto sulla Terra tra i 65 e i 200 milioni di anni fa. 4000
anni fa c’erano gli egizi e i babilonesi… Un vergognoso errore
storico!

Sono spaziali, Gundam mandati qua,
eccezionali per forza e volontà, hanno le ali e niente li fermerà…

MS Gundam Wing

Giorgio Vanni

In verità le ali ce l’hanno solo lo Wing Zero di Heero,
il Death Scythe hell e l’Epyon

Notte buia alla corte di Francia,
a palazzo si dorme già. Tre briganti con spada e con lancia, agguato
a sua maestà.

Lady Oscar

I cavalieri del re

Passi per la spada, ma la lancia non è
un’arma un po’ troppo primitiva per fare attentati nel tardo 18°
secolo? Avevano già inventato pistole, fucili, esplosivi…

Segnalazione di Massimo

Naso di legno, cuore di stagno,
burattino…

Le avventure di Pinocchio

Luigi Lopez

Non mi risulta proprio che Geppetto
abbia fatto a
Pinocchio un cuore di stagno! Anzi un cuore Pinocchio non ce l’aveva
proprio essendo stato ricavato tutto da un tronco di legno.

Segnalazione di Massimo

Mazinga… robot! -Luce atomica!-

Mazinga… robot! -Spada diabolica!-
Mazinga… robot! -Spirale perforante!-
Mazinga… robot! -Lava Atomica!-

Mazinga… robot! -Pugno atomico!-
Mazinga… robot! -Pugni rotanti!-
Mazinga… robot! -Doppio laser!-
Mazinga… robot! -Onda di fuoco!-
Mazinga… robot! -Razzi fotonici!-

Il Grande Mazinga

(F. Migliacci, Argante) I
superobots

La metà delle armi enunciate nella sigla, il Grande
Mazinga non sa neanche cosa siano… Soprattutto la spirale
perforante cos’è? un anticoncezionale?

Sono tornati i cavalieri, chi lo
sa…

I cavalieri dello zodiaco – Hades

Giorgio Vanni

Chi lo sa? Se non lo sai tu che lo canti, dobbiamo
saperlo noi?

Ma c’è chi vincerà e c’è chi
perderà per salvare l’umanità.

I cavalieri dello zodiaco – Hades

Giorgio Vanni

Ringraziamo gli autori della sigla per questa perla di
saggezza. Sicuramente si sono guadagnati il premio ‘Banalità 2008’

Iruka è il mio maestro e sa cucinare e battersi, Sasuke ed io da
un’altra età, ci sentiamo simili. Ma l’edelweiss dei sogni miei è
Sakura e prima o poi asciugherò quegli occhi suoi coi miei primi baci

Naruto

Giorgio Vanni

Il fatto che Iruka porti sempre Naruto a mangiare ramen
nei classici chioschi, non significa che sappia anche cucinarlo…
Naruto e Sasuke non si possono definire davvero
simili. Il primo è un orfano evitato da tutti, il secondo i genitori
li aveva ma sono stati uccisi dal fratello e non è certo evitato
dagli altri, direi il contrario. Semmai c’è più attinenza tra Naruto
e Gaara.

Stendiamo un velo pietoso sulla strofa tra Sakura
e Naruto. Non è uno shojo!

[Fonte: http://www.serateotaku.it/sigle.html]

Richard William Wright (Londra, 28 luglio 1943 – 15 settembre 2008)


https://i1.wp.com/www.budapestinfo.hu/noc/photos/Esemenynaptar/rogerwaters.jpg

Richard William Wright

(Londra, 28 luglio 1943 – 15 settembre 2008)

Se il cuore batte forte dà vita a quella morte che vive dentro te


Giggi smettila di scrivere che sei un incapace!

Elii siete solo dei grandi… Pecora nera

Gigi D’Alessio me fai cagà… Lumaca

l’insulto più grande che potevano rivolgere a sto povero ragazzo era far scrivere sta canzone a "Giggi"…Sarcastico

"casualmente" al "Gigi t amo" della Tatangelo hanno risposto i fischi della platea… Party

Voci precedenti più vecchie

giugno: 2017
L M M G V S D
« Gen    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930